Pagamenti elettronici e fatturazioni: le novità sugli obblighi

hand holding tablet with stock chart

Tra le disposizioni di maggiore interesse per le imprese ricettive e termali, definite nel quadro del decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri, che introduce ulteriori misure per l’attuazione del Pnrr, due riguardano gli obblighi rispetti a fatturazioni e pagamenti elettronici.

Viene pertanto anticipato al 30 giugno 2022, dal 1° gennaio 2023, il termine per l’applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie nei confronti dei soggetti tenuti all’obbligo di accettazione di pagamenti elettronici (soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali), in caso di mancata accettazione.

L’entità della sanzione è pari a 30 euro, aumentata del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento. 

Le disposizioni in materia di fatturazione elettronica, invece, prevedono che l’obbligo di emissione venga esteso ai soggetti che rientrano nel “regime di vantaggio” e nel “regime forfetario”. L’obbligo decorre pertanto dal 1° luglio 2022 per i soggetti che nell’anno precedente hanno conseguito ricavi o percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a 25mila euro. Per questi è prevista una moratoria dalle sanzioni per il terzo trimestre del periodo d’imposta 2022, a condizione che la fattura elettronica venga emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione. Per tutti gli altri soggetti l’obbligo decorrerà dal 1° gennaio 2024.