Patto del lavoro nel turismo: nuovi bonus per le assunzioni in Liguria

Excelsior_Palace_Hotel_Exterior_view-1024x802

Al via il nuovo ‘Patto del lavoro nel settore del Turismo’, sottoscritto dalla Regione Liguria con sindacati e categorie datoriali per l’attuazione di interventi a sostegno delle imprese per il 2022.

La misura, arrivata alla quinta edizione e finanziata attraverso il Fondo Sociale Europeo, mira, attraverso l’erogazione di bonus assunzionali, a incentivare le aziende turistiche affinché garantiscano l’apertura dell’attività per periodi più lunghi, con un aumento sia in termini numerici che di durata dell’occupazione degli addetti.

L’accordo prevede un bonus di 2.500 euro per contratti minimi di 6 mesi e l’inserimento, in un secondo step, di un bonus di 4mila euro, particolarmente premiante per contratti di minimo 8 mesi. Resta invariato, invece, il bonus di 6mila euro per i contratti a tempo indeterminato.

Due le categorie beneficiarie, identificate con i codici Ateco: le imprese del comparto alberghiero ed extra-alberghiero legate all’accoglienza (anche catering, agenzie di viaggi e tour operator, organizzazione di convegni, fiere, feste e cerimonie), oltre agli stabilimenti balneari che stipulino contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato di almeno sei mesi; le attività della ristorazione, bar, pasticcerie e gelaterie che stipulino contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato di almeno nove mesi.

“Il rinnovo del Patto del lavoro nel turismo – ha affermato il presidente di Federalberghi Liguria, Aldo Werdin – è un segnale in più della volontà comune di dare ulteriore slancio al comparto nella nostra regione. Gli indicatori per la ripartenza del settore ci sono, e noi siamo fiduciosi: abbiamo avuto un periodo pasquale oltre le aspettative. Poi il maltempo ha un po’ condizionato il periodo dal 25 aprile al 1° maggio, ma il turismo ha tenuto, merito anche di Euroflora. Gli stranieri si stanno già muovendo, specialmente il mercato americano, che speriamo possa supplire alla mancanza dei russi”.