Rincaro bollette energia: l’appello di Federalberghi Trentino

Schermata 2022-02-02 alle 18.28.18

I costi delle bollette stanno accrescendo le difficoltà di molte imprese alberghiere e turistiche. In merito a questa situazione, il presidente di Asat/Federalberghi Trentino, Giovanni Battaiola, ha incontrato i vertici di Dolomiti energia per far presente quanto gli aumenti sugli approvvigionamento dell’energia elettrica vadano   a sommarsi alle problematiche già in essere e a incidere sui bilanci aziendali.

“Sono moltissime le telefonate che riceviamo da parte dei nostri associati – ha detto Battaiola – che ci segnalano gli enormi aumenti delle bollette energetiche che sono arrivate. I costi si sono incrementati dall’inizio estate dello scorso anno per arrivare al picco di oggi e mettono seriamente in difficoltà molte aziende. Vogliamo verificare la possibilità, con Dolomiti Energia, di trovare soluzioni che vengano incontro alle imprese”.

L’ Asat ha pertanto chiesto che, essendo il Gruppo produttore da fonti rinnovabili, eventuali extraprofitti possano essere destinati ad abbattere i costi delle aziende, e che Dolomiti Energia possa sostenere le aziende in difficoltà concedendo la possibilità di pagamento rateizzato delle bollette. Inoltre, l’associazione trentina chiederà alla Provincia di affrontare la situazione drammatica di molte aziende e di intervenire a sostegno del settore attraverso un ulteriore intervento straordinario sino a quando la situazione pandemica ed economica non si normalizzerà.

“Asat – ha aggiunto Battaiola -, assieme a Federalberghi, ha chiesto che a livello nazionale si pongano in essere provvedimenti urgenti per il contenimento dei costi energetici, oltre che di semplificazione e armonizzazione delle norme sanitarie per gli accessi turistici nel territorio e nelle strutture”.

Dal canto suo, l’amministratore delegato di Dolomiti Energia ha condiviso le preoccupazioni per la straordinaria crescita dei prezzi in conseguenza dell’andamento del mercato dell’energia: “Tutto questo – ha detto Marco Merler – lascia scarsi margini di intervento per agire sul prezzo di vendita, ma siamo disponibili a mettere in atto tutto ciò che è possibile fare”.