Un Convention Bureau per rilanciare il Garda

Riva_del_Garda

Fare sistema e lavorare in sinergia per innalzare il livello delle offerte turistiche del bacino gardesano, puntando in particolare al segmento congressuale, che a Riva del Garda ha una lunga storia e che può rappresentare anche una leva strategica per l’internazionalizzazione. Questo il messaggio lanciato nel corso della tavola rotonda dedicata al sistema dell’accoglienza in Italia, svoltasi nell’ambito di Hospitality 2020.

“C’è molto da lavorare per rendere il Lago di Garda una realtà conosciuta come sede di eventi a livello internazionale – ha affermato Roberto Pellegrini, presidente Riva del Garda Fierecongressi -. L’obiettivo è dare vita a un Convention Bureau quale soggetto capace di proiettarsi su un mercato internazionale e di promuovere il territorio come sede appetibile per eventi di incentivazione aziendale e associativi scientifici”.

Visione condivisa da Lorenza Bonaccorsi, sottosegretaria di Stato al Mibact: “Il turismo congressuale è un asset strategico perché va nella direzione di un turismo che porta valore, e i Convention Bureau rappresentano uno strumento di fondamentale importanza per mettere a sistema tutte le energie e le professionalità di un territorio, sia a livello pubblico che privato”. L’impegno assunto dalla sottosegretaria è di farsi carico di convocare un incontro in cui ragionare sui temi emersi coinvolgendo gli attori impegnati nella promozione del Lago di Garda, “area che rappresenta una grande ricchezza per il Paese e che vede nella creazione di una rete legata al settore congressuale una delle principali sfide future”.