2401_TdI_B_SA Gaggia e Sigep_980x200

Capitale italiana della Cultura 2025: il titolo assegnato ad Agrigento

Agrigento-Tempio_della_Concordia01

Agrigento è la Capitale italiana della Cultura 2025. La vincitrice si è aggiudicata il titolo prevalendo sulle altre candidate Aosta, Assisi, Asti, Bagnoregio, Monte Sant’Angelo, Orvieto, Pescina, Roccasecca e Spoleto. Prenderà il testimone da Pesaro, Capitale italiana della Cultura 2024.

Queste le motivazioni della scelta della giuria: “Agrigento assume, come centro del proprio dossier di candidatura, la relazione fra l’individuo, il prossimo e la natura, coinvolgendo l’isola di Lampedusa e i comuni della provincia e ponendo come fulcro il tema dell’accoglienza e della mobilità. Il progetto risponde in modo organico all’obiettivo di presentare a un pubblico vasto un programma di grande interesse a livello territoriale, ma anche nazionale e internazionale. Il ricco patrimonio culturale del territorio è il volano con cui si valorizza la variegata offerta culturale proposta in un’ottica di innovazione, promozione e, di conseguenza, di un successivo sviluppo socio-economico, che trova ispirazione nei concept tecnologici più moderni. Il coinvolgimento attivo delle giovani generazioni potrà promuovere la cultura come caposaldo della crescita individuale e comunitaria. La Giuria, pertanto, raccomanda la città di Agrigento per il titolo di Capitale italiana della cultura per l’anno 2025”.

“Essere la capitale italiana per un anno – ha affermato il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano – consente di accendere i riflettori sulle realtà territoriali. Una grande ricchezza dell’Italia, dovuta alla sua storia, è la pluralità dei luoghi che la caratterizza, ognuno portatore di ricchezza. L’Italia ha due grandi pilastri su cui puntare: da una parte l’impresa, dall’altra la cultura all’interno dei territori. Ognuno è uno scrigno di tesori”.