Lavoro: accordo Unioncamere-Federalberghi per superare il mismatch di competenze nel turismo

Reception Rocca Cavour

Accordo tra Unioncamere e Federalberghi per costruire un’alleanza tra il mondo della formazione e delle imprese a sostegno della crescita economica del turismo. La collaborazione si inserisce nelle attività, già in avanzata fase di sperimentazione, di entrambe le organizzazioni insieme alla Rete Nazionale degli Istituti Alberghieri (Re.Na.I.A.) per la certificazione delle competenze acquisite dagli studenti degli istituti nei Pcto (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento).

Unioncamere e Federalberghi lavoreranno alla costruzione e condivisione di mappe di competenze e alla individuazione di profili da formare, alla standardizzazione delle progettazioni per gli indirizzi di studio maggiormente significativi; alla realizzazione di un repertorio di competenze che tenga conto delle skill funzionali allo sviluppo di tutta la filiera turistica, con particolare attenzione alle competenze digitali e green.

Obiettivo principale dell’accordo, alla luce del previsto riordino del sistema di istruzione secondaria superiore, è di unire le forze per favorire lo sviluppo di professionalità con competenze che rispondano ai concreti fabbisogni formativi delle imprese operanti nel settore turistico. Partendo, infatti, dall’analisi sulla domanda di profili professionali delle imprese, realizzata tramite il Sistema informativo Excelsior da Unioncamere e Anpal, viene previsto, per i prossimi 5 anni, un fabbisogno occupazionale di circa 333mila unità nel settore del turismo, a fronte di una difficoltà di reperimento che supera il 40% del fabbisogno stesso.

Grazie a questa intesa, verranno promosse, tra l’altro, iniziative congiunte per l’orientamento degli studenti, dei docenti e dei tutor scolastici e aziendali impegnati nei percorsi di formazione, con specifica attenzione alla formazione Its e universitaria.