NextAppennino: online il portale per gli incentivi nelle aree terremotate

Umbria Norcia_from_Monte_Patino

È operativo il portale nextappenino.gov.it, attraverso cui è possibile accedere alle risorse e alle agevolazioni del Fondo complementare al Pnrr per le aree danneggiate dai terremoti del 2009 e del 2016 in Centro Italia.

NextAppennino, che ha una dotazione di 1 miliardo e 780 milioni di euro, aggiuntiva a quella del Pnrr nazionale, è un programma di sostegno allo sviluppo dei territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpiti dal sisma, con fondi per le infrastrutture e incentivi agli investimenti delle imprese. È stato concepito per accompagnare la ricostruzione fisica e materiale dei comuni e dei territori dell’Appennino.

La prima parte del programma è stata già definita e attuata secondo le scadenze previste, e ora sono disponibili, per le imprese, le associazioni del terzo settore e i professionisti, i bandi pubblici gestiti da Unioncamere e Invitalia, per l’assegnazione di 620 milioni di euro sotto forma di contributi a fondo perduto e di agevolazioni per i nuovi investimenti nelle aree dei due crateri sismici, quello abruzzese del 2009 e quello del Centro Italia del 2016.

I bandi sono dieci e riguardano diverse tipologie di investimenti delle micro, piccole, medie e grandi imprese, con particolare attenzione a quelle aventi sede operativa nel cratere e danneggiate dal sisma, in diversi settori di attività: transizione ambientale; valorizzazione dei beni artistici, ambientali e culturali; produzioni locali; inclusione sociale; occupazione dei giovani e delle donne; economia circolare.

I bandi riguardano investimenti produttivi di grande e media dimensione attraverso i Contratti di Sviluppo, con particolare interesse, tra gli altri, ai progetti nel settore del turismo, della cultura e dello sport.

Per le iniziative nei settori turistico, sportivo e culturale, per l’economia circolare e le filiere agroalimentari i bandi saranno accessibili con un doppio canale, riservando una corsia preferenziale, con una procedura a sportello, per le imprese del cratere che hanno subito danni dal sisma.

Le domande potranno essere presentate dal 15 settembre al 15 ottobre 2022.