980x200_HORECA

Lavoro e assunzioni: in ripresa il settore servizi e turismo

Woman holding open sign in cafe

Prende velocità la domanda di lavoro, sostenuta dal buon andamento dell’economia. Sono stati circa 257mila i lavoratori ricercati dalle imprese per il mese di agosto, +3,7% rispetto allo stesso periodo del 2019. E sono circa 526mila i lavoratori ricercati dalle imprese per il mese di settembre, pari al +20,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. Nel trimestre settembre-novembre le imprese hanno in programma di assumere 1,5 milioni di lavoratori (+23,5% rispetto all’analogo trimestre 2019). Sono i dati salienti del Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal.

“Sensibili – osserva la ricerca – i segnali di ripresa dei settori più a lungo soggetti alle restrizioni, quali i servizi turistici, che continuano la fase ascendente iniziata a luglio”.

Mentre si consolida la ripresa del manifatturiero, anche il settore dei servizi mostra, quindi, vitalità: sono 370mila i contratti di lavoro offerti nel mese di settembre, pari al +19,3% su settembre 2019, e oltre un milione quelli previsti per il trimestre sino a novembre (+21,2% sul trimestre 2019). Tra le maggiori opportunità di lavoro, quelle offerte dai servizi di alloggio, ristorazione e turistici (73mila nel mese e 192mila nel trimestre).

Si attesta, intanto, complessivamente al 36,4% la quota di assunzioni per cui le imprese dichiarano difficoltà di reperimento; difficili da reperire anche i tecnici della gestione dei processi produttivi di beni e servizi. A incontrare le maggiori difficoltà di reperimento sono le imprese delle regioni del Nord-Est, seguite da quelle del Nord-Ovest, Centro e Sud e Isole.

Sempre stando al Bollettino Excelsior, la domanda di lavoro appare trainata prevalentemente dai contratti a tempo determinato; seguono i contratti a tempo indeterminato, i contratti di somministrazione, quelli di apprendistato e di collaborazione.