#RomeSafeTourism, al via il bollino per gli alberghi. Piani di rilancio della Capitale

Roscioli hotel-raffaello-1

Parte ufficialmente la campagna per il rilascio del bollino #RomeSafeTourism, il marchio che identifica gli esercizi turistici e ricettivi conformi ai protocolli sanitari nazionali e alle disposizioni regionali Covid-19. Lo scopo è quello di rassicurare i visitatori sull’attuazione delle misure anti-contagio in città, con ricadute significative sul tessuto del territorio. Potranno richiedere il bollino alberghi, b&b, affittacamere, ristoranti, bar e caffetterie, negozi, parrucchieri ed estetisti, alimentari, palestre e musei: tutti gli esercizi frequentati da turisti e cittadini che intendono comunicare l’implementazione delle misure di sicurezza al loro interno. Simbolica la grafica scelta per il logo: una valigia aperta su due lati, indicativa di un turismo aperto e accogliente, con l’etichetta safe.

“Roma è sicura perché rispetta le norme anti-contagio – ha affermato la sindaca Virginia Raggi -. Questo il messaggio che vogliamo lanciare, da un lato ai turisti, dall’altro al tessuto produttivo. Con le categorie del turismo condividiamo l’obiettivo prioritario di supportare la filiera: lavoriamo gomito a gomito per rispondere all’impatto del Covid in termini di sicurezza, sostenibilità e qualità”.

Per strutturare l’azione di supporto della filiera turistica cittadina, come nelle linee del Piano strategico FutouRoma, Roma Capitale ha istituito una nuova business unit con funzioni di Dmo all’interno della società Zetema Progetto Cultura.

“Mai come in questo momento la sinergia tra Roma Capitale e associazioni di categoria assume un valore fondamentale – ha sottolineato il presidente di Federalberghi Roma, Giuseppe Roscioli -. L’auspicio è che iniziative come il bollino Rome Safe Tourism, la nascita di una Dmo e il varo di un piano comunicazione e marketing contribuiscano a velocizzare la ripartenza del turismo di Roma: non ne ha un disperato bisogno la sola economia alberghiera, ormai allo stremo, ma quella dell’intera città”.

In quest’ottica rientra l’ideazione e il lancio di un piano di comunicazione integrato. Tra le iniziative intraprese, la diffusione di un video promozionale della città, in 5 diverse lingue, finalizzato a restituire un’immagine di Roma più giovane, dinamica e soprattutto sicura, contraddistinta dall’hashtag #unicamenteroma. Leitmotiv della strategia promozionale è la valorizzazione degli aspetti noti e meno conosciuti della città, tutti da esplorare con tranquillità.

“Roma deve ripartire innanzitutto restituendo a turisti e cittadini quella percezione di sicurezza irrinunciabile quando si sceglie una destinazione di viaggio – ha detto Carlo Cafarotti, assessore allo Sviluppo economico, al Turismo e al Lavoro -. Lo farà anche promuovendo la sua immagine in maniera mirata con campagne di marketing dirette a vari target, tra cui i millennial italiani ed europei. Questo nell’ottica di un turismo che, per il momento, si focalizza sulla prossimità, in attesa della normalizzazione dei flussi. Il nostro impegno e la nostra vicinanza alla filiera turistica e produttiva cittadina è costante”.

Sul fronte dei servizi al turista disponibili in città, torna operativa al 100% cento la rete dei 6 Tourist Info Point di Roma Capitale.