Banner-7Stars-hotelmag-03 (3)

Federalberghi Terme Abano Montegrotto: Boaretto riconfermato presidente

Emanuele Boaretto

Emanuele Boaretto è riconfermato presidente di Federalberghi Terme Abano Montegrotto. L’architetto, titolare dell’Hotel Millepini Terme di Montegrotto, è stato rieletto nel corso dell’Assemblea dei soci.

Nella sua relazione sul triennio appena concluso il presidente si è soffermato sulla ristrutturazione del sistema associativo, che ha visto Federalberghi confluire nel Consorzio di Fidi e Garanzia, Fidimpresa, dando nuovo fiato a ConfidHotel; sulla costituzione di un ente bilaterale provinciale unico nella filiera del turismo passando da meno di 100 aziende a circa 1.500 imprese con obiettivi comuni nelle politiche attive del lavoro; sulla costituzione con Ascom Padova un unico ente di formazione; sull’ampliamento della gamma di servizi a supporto delle imprese; sulla costituzione di Federalberghi Terme, di cui lo stesso Boaretto è stato nominato presidente nazionale, che rappresenta a il secondo polo termale italiano e attraverso sui si sono conseguite vittorie di rappresentanza e normative che ridanno prospettiva al movimento termale italiano.

“L’attività dell’associazione si concentrerà per difendere gli interessi della categoria, allo scopo di apportare una ricaduta positiva non solo sulle nostre aziende, ma sul territorio tutto – ha dichiarato Emanuele Boaretto -. Continueremo ad adoperarci per l’adattamento dei contratti di lavoro alle specifiche tipologie aziendali, per adeguare il mercato del lavoro e svincolare la stessa dal periodo di apertura degli hotel, come avviene in altre parti d’Italia; la ricerca scientifica, con innovazione, idee, conoscenze, formazione grazie al lavoro del Centro Studi Termali Pietro d’Abano per il quale ci stiamo concentrando sull’accesso ai fondi pubblici destinabili alla ricerca; il contrasto all’abusivismo che vuole per uno stesso mercato, le stesse regole; le attività di rappresentanza nella difesa degli interessi della categoria; l’urbanistica e la viabilità, sollecitando un confronto con la categoria per valutare impatti ed eventuali disequilibri al tessuto esistente; la tassazione sugli immobili ed il suo peso insostenibile, soprattutto se rapportato al pagamento di strutture chiuse o vuote”.

Nell’ottica di favorire lo sviluppo dell’economia del turismo del Bacino Termale Euganeo, l’attenzione è stata rivolta, in via prioritaria alle imposte nazionali e locali; alla disciplina dei rapporti di lavoro ed ai relativi oneri; al recepimento e all’interpretazione delle norme; al recepimento della normativa sulla Privacy; alla liberalizzazione dei servizi; al contrasto all’abusivismo; alla semplificazione degli oneri burocratici e all’omogeneizzazione delle aliquote Iva. E resta centrale il tema della ricerca scientifica termale. L’associazione si impegnerà nella revisione delle rendite catastali, nella diminuzione delle aliquote Imu e Tasi, oltre che della Tari, e nella riconsiderazione dell’imposta di soggiorno.

A comporre il consiglio di amministrazione, oltre a Boaretto e Bregolin, saranno Aldo Buja (Hotel Terme Ariston Molino), Gianluca Maregotto (Hotel Aqua), Luca Tognin (Hotel Terme Neroniane e Europa), Umberto Carraro (Hotel Terme Panoramic Plaza), Carlo Pastorello (Hotel Terme Esplanade Tergesteo, Augustus, Petrarca), Simone Campaci (Hotel Terme Belsoggiorno); revisori dei conti Edoardo Trolese e Rocco Sbriziola, con Marco Poletto come supplente.

Nelle prossime settimane si terrà il primo Consiglio di Federalberghi Terme Abano Montegrotto, al cui ordine del giorno vi sarà la nomina del vicepresidente.