Banner-7Stars-hotelmag-03 (3)

Codice identificativo. Federalberghi: “Che fine ha fatto la banca dati delle locazioni brevi?”

images

Che fine ha fatto la banca dati degli immobili destinati alle locazioni brevi? Non se ne hanno più notizie, nonostante siano passati più di tre mesi dal termine stabilito per l’approvazione del decreto istitutivo (30 luglio 2019), finalizzato a migliorare la qualità dell’offerta turistica, assicurare la tutela del turista e contrastare forme irregolari di ospitalità, anche ai fini fiscali.

La legge prevede che tutti gli alloggi turistici presenti nel territorio nazionale debbano essere identificabili mediante un codice identificativo, che deve essere utilizzato in ogni comunicazione inerente all’offerta e alla promozione dei servizi all’utenza.

Basta una passeggiata sul web per rendersi conto della urgente necessità di fare chiarezza in un mercato in cui c’è di tutto, dalle strutture che si auto-attribuiscono illegalmente la qualifica di hotel e le stelle ai superhost che mettono in vendita centinaia di appartamenti spacciandosi per nonnette che arrotondano la pensione.

Per non parlare della farsa in materia di imposta di soggiorno, che viene riscossa dai portali soltanto in poche decine di località (su mille comuni italiani che hanno istituito l’imposta), invocando come scusa la necessità di stipulare convenzioni con i municipi, in barba ad una legge che prevede espressamente tale obbligo.

È sparito dai radar anche il regolamento che avrebbe dovuto definire i criteri in base ai quali l’attività di locazione breve si presume svolta in forma imprenditoriale, che era atteso per il mese di settembre 2017.

Mentre in Italia si consente a furbi ed evasori di prosperare, all’estero da tempo sono stati fissati dei paletti. Ad Amsterdam gli appartamenti non possono essere affittati ai turisti per più di 30 giorni all’anno; il limite è di 60 giorni a Ginevra e di 90 a Londra e Madrid. Pochi giorni fa, il senato francese ha approvato un emendamento che dimezza il limite, da 120 a 60 giorni. E il 5 novembre, la cittadinanza di Jersey City (cittadina a pochi minuti di treno da Manhattan), ha votato a favore di un limite di 60 giorni e di altre norme volte a tutelare i residenti dall’invasione degli affitti brevi.