Banner-7Stars-hotelmag-03 (3)

Riviera di Romagna, parte il maxipiano di riqualificazione

image004

Dieci grandi cantieri pronti a partire in altrettanti Comuni della Riviera adriatica, tra Rimini e Comacchio, rivoluzioneranno la Costa dell’Emilia-Romagna rendendola più bella e attrattiva per turisti e residenti.

Con un impegno della Giunta regionale pari a 20 milioni di euro è stata approvata la graduatoria finale del bando per la rigenerazione e la riqualificazione di tratti del lungomare. A questi fondi la Regione ha deciso di aggiungere risorse per ulteriori 12,5 milioni di euro, portando così l’investimento complessivo a circa 32,5 milioni, somma che permetterà di finanziare tutti i progetti ammessi entro il 2021.

“L’attenzione per i territori è per noi una priorità – ha affermato il presidente della Regione, Stefano Bonaccini -. Puntiamo sulla bellezza della nostra Riviera non solo come volano per creare buona occupazione, ma anche come luogo, oltre alla naturale vocazione balneare, da vivere tutto l’anno, che è parte della nostra identità culturale e paesaggistica. La riqualificazione degli snodi tra la spiaggia e le città può contribuire a delineare nuovi percorsi benessere per attività sportive e ricreative, nel rispetto della sostenibilità degli interventi e della cura per l’ambiente. Vogliamo far crescere l’offerta e i servizi delle nostre città costiere senza pregiudicare il delicato equilibrio ambientale e l’ecosistema degli arenili e dell’entroterra. Grazie ai progetti indicati dai sindaci dei Comuni e al lavoro di squadra con i territori, restituiremo a cittadini e turisti un lungomare rivoluzionato e attrattivo che diventerà un vero e proprio simbolo della nostra costa”.

La più grande operazione di riqualificazione del prodotto balneare messa in campo in Emilia-Romagna. È quanto sottolineato dall’assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini: “Con questo provvedimento che si aggiunge al bando da 25 milioni di euro per la rigenerazione degli alberghi e delle strutture ricettive diamo un ulteriore e forte impulso al turismo dell’Emilia-Romagna – ha evidenziato -. Al fianco dei Comuni e delle associazioni di categoria vogliamo fare della nostra costa un tratto sempre più distintivo e attrattivo per i mercati nazionali e internazionali. E per competere in un settore in grande evoluzione come questo dobbiamo puntare sempre più a uno sviluppo sostenibile in grado di fornire servizi all’avanguardia e alla portata delle diverse esigenze dei viaggiatori”.