banner

Turismo e agroalimentare: sostegno alla crescita da Mipaaft e Cdp

Generica f&b

Accordo tra Mipaaft e Cdp per il sostegno finanziario ai settori agricolo, agroalimentare e turistico. L’intesa prevede la costituzione di un tavolo di lavoro dedicato alla selezione di progetti per lo sviluppo di questi settori, ai quali il Ministero delle Politiche agricole alimentari, forestali e del Turismo assicurerà copertura finanziaria, anche attraverso risorse europee, e supporto istituzionale per l’attivazione di specifici strumenti finanziari a livello regionale o multiregionale.

Parallelamente, Cassa Depositi e Prestiti metterà a disposizione strumenti di liquidità, finanziamenti agevolati con risorse del Fondo rotativo imprese e strumenti di garanzia o partecipazione al capitale di rischio, in sinergia con il sistema delle garanzie gestito dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (Ismea).

Potranno, inoltre, essere valutate iniziative per lo sviluppo dell’infrastruttura turistica nazionale, la riconversione di immobili per finalità ricettive nell’ambito di progetti di rigenerazione urbana e la formazione di professionalità manageriali.

“È necessario riconoscere e andare incontro a una nuova domanda di modello agricolo e turistico, elaborando una visione innovativa che tenga conto della necessità di puntare sulla cooperazione di tutti gli attori territoriali ed economici che concorrono alla competitività del Paese – ha dichiarato Gian Marco Centinaio, ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del Turismo -. Saranno valutate iniziative per lo sviluppo dell’infrastruttura turistica nazionale, la riconversione di immobili per finalità ricettive nell’ambito di progetti di rigenerazione urbana e la formazione di professionalità manageriali nei settori agroalimentare e turistico-alberghiero”.

Per Fabrizio Palermo, a.d. di Cdp, “l’accordo sottoscritto con il Mipaaft ci permetterà di sostenere la crescita dell’agricoltura, del turismo e dell’agroalimentare, per favorirne il consolidamento anche a livello internazionale”.