concierge-digitale-hotel

Milano, il food motore per l’occupazione giovanile

Chefs Table - Viu Milano (2)

Cuochi, camerieri e altri servizi turistici, operai specializzati e conduttori di macchinari nell’industria alimentare: sono circa 3mila le entrate previste dalle imprese a Milano ad aprile 2019, una su dieci sul totale di tutti i settori e in un caso su due si tratta di giovani. È quanto emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati del sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal.

“Il settore del food offre importanti opportunità di lavoro negli alberghi e nella ristorazione, con un indotto in molti settori collegati – ha affermato Guido Bardelli, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi -. Una scelta che può aiutare i giovani alla ricerca di un lavoro in un territorio capace di costruire professionalità specializzate, riconosciute a livello internazionale per le qualità”.

Per quanto concerne l’intera regione Lombardia, sono quasi 100mila le entrate nel food, di cui circa 87mila i dipendenti assunti all’anno dalle imprese, come aggiunge la nota della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Le figure più richieste sono i camerieri (oltre 43mila) e i cuochi (quasi 19mila), ma anche addetti alla preparazione dei cibi e baristi.