banner

La stanza intelligente: ai comandi della domotica

sts hotel

Una camera hi-tech e iperconnessa, in cui la tecnologia è integrata con tutti gli elementi di arredo, e l’ospite è al centro dell’esperienza. È la camera degli hotel del futuro, plasmata dalle innovazioni con cui la domotica alberghiera sta rivoluzionando la fruizione del soggiorno in hotel. Una stanza ‘intelligente’, collegata con tutti gli altri ambienti della struttura e dotata di apparati IoT (internet of things) connessi tra loro e in costante dialogo.

Dalla supervisione dal pannello touch screen alle sorgenti musicali hi-tech o al più potente dei wifi, l’evoluzione tecnologica non conosce più limiti anche nel settore alberghiero.

Sts Hotel, ad esempio, è un’azienda, specializzata in sistemi elettronici per la building automation, che ha lanciato Hpod, un pannello di controllo che permette la gestione intelligente della camera: può racchiudere le funzionalità di un lettore di abilitazione per la lettura di tessere chip o transponder, un termostato digitale per la gestione della climatizzazione o un modulo testaletto per la gestione di luci e utenze.

L’integrazione e la comunicazione sono, invece, al centro dello sviluppo di prodotto di Lg Electronics, che ha trasformato i televisori in strumenti più smart e interattivi: il sistema trasforma i tv in strumenti per comunicare tra ospiti e staff ed è dotato anche di tool per la creazione di template personalizzati, mentre gli albergatori possono creare contenuti su misura.

Gli hotel del futuro hanno l’obiettivo di far sentire i propri ospiti a casa, anche attraverso la musica e l’intrattenimento. È l’obiettivo di Haefele, che propone Sound-Edition in versione mobile o fissa: da una qualsiasi sorgente musicale, che può essere smartphone, tablet o portatile, il sistema trasforma in cassa armonica mobili di vario tipo, di legno, vetro o plastica.

Tra le soluzioni proposte per il mondo dell’hotellerie da Haefele, anche uno specchio multidimensionale con funzione di antiappannante, sistema audio e illuminazione Led, e Dialock, il sistema che, tramite tecnologia transponder, senza contatto, permette di gestire ogni tipologia di accesso sia all’interno che all’esterno della struttura, nelle aree comuni oppure nelle stanze.

L’installazione di una robusta rete wifi aiuta gli hotel ad attivare e mettere in connessione le applicazioni di domotica e automation presenti, ma anche a migliorare il networking e il contatto con gli utenti. Zyxel Italia, con il Nebula Control Center, consente di gestire l’intera infrastruttura via cloud e avere una visione istantanea di tutte le prestazioni di connettività.  (C.D.C.)

Il servizio completo sulla domotica in hotel è sul nuovo numero del magazine Turismo d’Italia, di agosto 2018, sfogliabile e scaricabile online