banner

Come conquistare gli high spender arabi: consigli per gli hotel

Gallia

L’asset di pregio sono le famiglie. È a queste che il settore dell’ospitalità deve guardare con attenzione e grande preparazione quando l’obiettivo sono i mercati arabi. Mercati ormai comunemente associati all’alta capacità di spesa, alla propensione per il lusso, nella moda come nell’hotellerie, e che stanno alimentando l’incoming uplevel italiano quasi alla pari con i turisti cinesi.

“Le famiglie arabe sono sempre allargate, quindi è alta la domanda di camere e suite per sistemare anche il personale al seguito”, rileva Maura Di Mauro, intercultural trainer, coach and consultant, membro del consiglio direttivo Aif Lombardia e Sietar Italia, vera esperta in materia. Secondo i dati della sua ricerca “Il luxury hotel punta ai turisti arabi”, le famiglie con bambini sono al primo posto con il 30 per cento sul totale, seguiti dai viaggiatori d’affari con il 25 e dagli studenti/Millennial con il 22 per cento.

Luxury hotel, spa&golf resort e, più in generale, strutture d’alta gamma sono un’autentica passione, e lo loro disponibilità di spesa è tale che pagano qualsiasi cifra extra per escursioni insolite e tailor made, itinerari glamour, pacchetti termali e medico-sanitari di alto livello, anche se al primo posto resta la shopping experience.

A un albergo, però, non basta offrire lusso, deve dare ben di più, deve conoscere a fondo le regole dell’ospitalità araba, che ha un suo codice. “I turisti arabi tendono a fare delle scelte conservative e preferiscono scegliere sapendo quello che troveranno – evidenzia l’Enit-Antenna Dubai nel focus sugli Emirati Arabi –: immagine del Paese, sicurezza, strutture di accoglienza e dimensione delle camere d’albergo, affinità culturali, alimentazione in linea con i principi islamici, possibilità di fare shopping, presenza di cliniche e istituti di cura e benessere della persona, condizioni climatiche adatte e intrattenimento per i bambini”.

Il servizio integrale “Arabian luxury” è su Turismo d’Italia edizione di Aprile, scaricabile e sfogliabile online