Inizio d’anno all’insegna del movimento turistico

View_of_Piazza_Venezia_in_Rome_from_Vittoriano

“Il movimento turistico per la festività dell’Epifania ha mostrato un Paese che torna a essere prudentemente ottimista”. Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, ha commentato così i risultati dell’indagine realizzata con il supporto dell’istituto Acs Marketing Solutions.

Lo scenario che si è configurato conferma il trend di crescita già registrato a Natale e Capodanno, e un giro d’affari di 577 milioni di euro, in crescita consistente rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

“Stiamo assistendo all’espressione di un nuovo impulso che contribuisce a far superare il timore dell’incognita di spesa cui solitamente si va incontro in occasione di un soggiorno fuori casa – ha aggiunto Bocca -. Quanto più si darà sostegno concreto al settore che lavora per l’Italia, tanto più si potrà proseguire sulla strada dell’ottimismo”.

Secondo i dati dell’indagine Federalberghi e Acs, sono stati circa 2 milioni e 662mila gli italiani in movimento durante il fine settimana dell’Epifania, pari al 10,7 per cento in più rispetto al 2017.

Tra i vacanzieri, 1 milione 455mila esclusivamente per il weekend del 6 gennaio e 367mila in viaggio già da Capodanno; 840mila quelli che hanno optato per la vacanza lunga dal Natale all’Epifania.

L’albergo come sistemazione prescelta ha avuto un’incidenza del 26,1 per cento sul totale, al secondo posto dopo la casa di parenti o amici.

Nel 95,2 per cento dei casi la destinazione prescelta è stata l’Italia.