I progetti vincenti del concorso Observatory Houses

rocca09

La sfida planetaria su Roccascalegna tra giovani talenti dell’architettura si è chiusa a Sia Guest 2017, con la premiazione dei finalisti del concorso Observatory Houses, lanciato da Yac-Young Architects Competitions in partnership con IEG-International Exhibition Group e Agenzia del Demanio, per individuare nuovi utilizzi della rocca abruzzese e realizzare dimore-osservatori.

I progetti candidati sono stati valutati da una giuria internazionale che ha assegnato il primo premio al team gcarchitetti, di Carlo Gaspari, Beatrice Comelli e Matteo Cascini. Il progetto prende come punto di partenza la scelta di preservare la fortezza, per non pregiudicare il paesaggio esistente e per mantenere intatta l’immagine della roccia sotto il castello e gli edifici di Roccascalegna. Unico intervento previsto, per rendere la fortezza accessibile a tutti, la previsione di una nuova torre: una ricostruzione simbolica della porta di accesso del castello.

Al secondo posto il team australiano Maybe, di Sebastien Lafresiere e Alexis Beaussart, che ha immaginato l’inserimento di un giroscopio per esprimere il rapporto tra la fisicità della forma e il paesaggio circostante.

Terzo posto al team britannico NE_HOUSE, di Konstantina Papanikolaou, Julen Aguinagalde Lopez de Calle, Anastasios Theodorakakis, che ha introdotto elementi per favorire la vista del paesaggio e delle architetture storiche.

Al bando di concorso Observatory Houses per la riqualificazione della rocca medievale abruzzese avevano risposto da tutto il mondo, generando dati formidabili: 2.002 team registrati, 3.431 progettisti coinvolti nella selezione, 2.001 professionisti, 1.430 studenti e 101.078 download brief.

Per IEG l’orgoglio di sostenere iniziative come questa, replicando, per il secondo anno consecutivo, il contest Yac, con la presentazione finale nell’ambito di Sia Guest, a Rimini Fiera, e dando un seguito al concorso 2016 ‘Lighthouse Sea Hotel, Siracusa’.

“L’iniziativa con il Salone dell’Ospitalità si colloca all’interno di una scelta ben precisa – spiega Alessandro Cecchini, cofondatore e presidente di Young Architects Competitions -. Il concorso annuale guarda, infatti, sempre a una progettazione a uso ricettivista. Come Yac abbiamo il compito di lanciare idee di questo genere, sia su richiesta, sia su nostra decisione, e, dialogando con l’Agenzia del Demanio Valore Paese ,ci è stato indicato Roccascalegna. Nel nostro Paese esiste un patrimonio enorme, dai costi elevati, che l’ospitalità alberghiera è in grado di recuperare e rilanciare a livelli internazionali, e la riqualificazione è una modalità ideale per conservare il patrimonio”.

Il link all’elenco dei completo dei vincitori: http://www.youngarchitectscompetitions.com/other-editions/view/id/25#winners